Oggi si recita l’HIV!

Vieni a teatro!
Cosa andrà in scena?
Storie di vita di giovani sieropositivi, esperienze di chi vive la patologia: uno spaccato della vita da paziente.
L’interpretazione di medici, psicologi, sessuologi e degli stessi volontari.
Tra i principali aspetti evidenziati e sottolineati dalla piéce teatrale:

  • l’impatto della malattia sulla vita delle persone abbia forti ripercussioni emotive;
  • la reale difficoltà a convivere con un virus sessualmente trasmissibile;
  • i numerosi stereotipi e le false credenze attorno all’infezione da HIV;
  • l’importanza della “cultura della prevenzione” e di una quanto più precoce diagnosi attraverso il test

Uno spettacolo che nasce dall’esigenza di dare una risposta a queste “sfide emotive” e dalla possibilità di poter condividere con un pubblico più vasto episodi e messaggi preziosi presenti nelle storie personali dei giovani sieropositivi.

A ciò che viene rappresentato sul palcoscenico, spetta il compito di narrare a un pubblico di giovani che potrebbe doversi confrontare con un malato e con le ripercussioni della patologia:

  • convivere con il virus;
  • essere vittima di pregiudizi;
  • essere ritenuto al di là di un’invisibile linea di demarcazione tra sani e malati (rischiando l’auto-isolamento);
  • una scarsa conoscenza di come avvenga il contagio.

Il coinvolgimento diretto della platea e la capacità di emozionare fa dello spettacolo lo strumento ideale per riportare il tema dell’HIV all’attenzione di tutti.